Abitudini e regole per l’arrivo del Jack Russell

  1. Home
  2. Lo Sapevi?
  3. Abitudini e regole per l’arrivo del Jack Russell

Lo Sapevi?

0

Per l’arrivo del Jack Russell nella nuova famiglia è necessario aver tutto pronto e a portata di mano o di zampa, dalla cuccia, al primo pasto, alla prima notte e all’andare al guinzaglio.

Non dimenticare che il Jack Russell è dotato di grande intelligenza, gli basterà poco per imparare tutte le regole del caso, è fondamentale farle diventare abitudini comportamentali per la sua educazione.

Semplici regole da rispettare

Partiamo dal momento in cui andrai a prendere il tuo amico nei centri specializzati (allevamenti) o presso i privati.

Fai attenzione ad un paio di cose, la prima consiste nel sincerarti che il cucciolo di Jack sia a digiuno, è il suo primo viaggio in macchina e potrebbe avere dei problemi di stomaco! Consiglio: munisciti di salviette e/o scottex.

La seconda è di avere un trasportino per il suo spostamento. Il cucciolo non può viaggiare liberamente nell’abitacolo, è vietato e pericoloso.

Ma quali sono le abitudini e le regole da insegnare al Jack Russel? Vediamole insieme:

L’arrivo del Jack Russell a casa

Appena giunto nella sua nuova abitazione il tuo Terrier dovrà avere uno spazio tutto suo dove potersi rifugiare, che sia una cuccia o una branda, l’importante che sia un angolo dove sentirsi al sicuro.

Meglio creare una vera e propria staccionata all’interno della quale si troverà contornato da tutte le sue cose finché non si abituerà alla situazione.

Evita cucce in vimini (per quanto molto belle), poiché potrebbe aver voglia di mangiarle o sgranocchiarle e rischiare di ingoiare pezzi di spuntoni del cesto che di certo non gli gioverebbero, i cuccioli tendono a rosicchiare ogni cosa che trovano.

Sempre meglio utilizzare cucce realizzate in materiale sintetico che risultano essere più confortevoli.

Alla scoperta di nuovi orizzonti

Una volta a casa il piccolo Jack sarà alle prese con un nuovo mondo. La sua curiosità deve essere soddisfatta e appagata, se lo vedi girovagare lascialo pure libero di annusare, per lui è un modo per conoscere e adattarsi a cose nuove.

Appena il cucciolo avrà finito le sue esplorazioni, prova a farlo mangiare con gli alimenti già utilizzati presso gli allevatori o i privati, è meglio!

Se dovesse essere inappetente non ti preoccupare, presentagli il cibo dopo un’oretta vedrai che all’occorrenza inizierà a sfamarsi senza problemi, ma fai attenzione a non cambiargli alimentazione per invogliarlo a cibarsi con cose prelibate, questo creerebbe un grosso problema di cattive abitudini, sempre meglio fargli seguire le regole fin da subito.

Scegli comunque alimenti equilibrati per il tuo amico a 4 zampe e segui le linee guida di come alimentare il tuo Jack Russell ti saranno sicuramente utili.

Regole prime uscite Jack-Russell
Altra accortezza da avere con questa razza canina quando è cucciola è l’acqua.

Evita di lasciargli la ciotola piena di liquido poiché potrebbe abusarne nei momenti di noia, rimpinzandosi come un cocomero.

È consigliato dargli da bere a determinati orari.

Importante l’utilizzo di ciotole in acciaio sia per l’acqua che per il cibo, sono decisamente più igieniche rispetto alla plastica.

E se piange?

Può succedere che durante il giorno il Terrier più pazzo del mondo potrebbe avere dei momenti di sconforto. Se dovesse iniziare a piangere sii dolce con lui, usa il tono della voce in modo carezzevole ma senza esagerare, è un attimo che il tuo amico a 4 zampe prenda il sopravvento.

Medesima cosa per la prima notte, capiterà che si disperi e si trovi spaesato, nessuna paura, qualche accorgimento e tutto tornerà nella norma.

Appena si spegneranno le luci è molto facile che si verifichi un piagnucolamento seguito da ululati del tuo nuovo componente, tutto normale è un cucciolo!

Cosa fare in questi casi?

Hai diverse opzioni da utilizzare, vediamo quali:

potresti prendere il cane e portarlo insieme alla cuccia nella tua camera da letto, accarezzarlo e usare un tono della voce pacato, il sentirti vicino lo aiuterà a calmarsi.

In alternativa potresti utilizzare una sveglia, il ticchettio lo aiuterà a rasserenarsi oppure puoi usare un pupazzo che gli farà compagnia o meglio ancora l’utilizzo di una coperta impregnata dell’odore della mamma.

Sono tutti rimedi fondamentali per superare le prime notti, ma stai sempre attento a non superare i limiti che porterebbero l’amato fido ad approfittarsene.

Evita di viziare il tuo amico peloso, l’educazione prima di tutto!

Abitudini sbagliate Jack-Russell
Altro consiglio da seguire per educare il tuo Jack è di non prenderlo in braccio o metterlo sul letto appena piange.

Il Jack Russell acquisisce subito le cattive abitudini che lo rendono viziato e dominatore di tutta la casa, ricordati sempre che a dettare le regole sei tu e non lui per quanto piccolo e tenero!

Fai quindi attenzione!

Il tenerlo spesso in braccio, farlo salire sul letto o peggio sotto le coperte, può generare in lui problemi psicologici seri come l’iperprotettività.

Soprattutto per queste situazioni il rischio è che l’amico fidato possa diventare il padrone assoluto del letto ma anche di te.

Bisogna evitare accuratamente una situazione di questo genere, in quanto ci potrebbero essere ripercussioni all’atto della separazione.

Infatti se decidi di farlo scendere dal letto o di lasciarlo solo, si potrebbero scatenare in lui comportamenti di aggressività e di distruzione dell’abitazione!

Importante è non essere troppo permissivi con il tuo amico Fido, la sua indole è forte, ed è fondamentale la sua educazione. In caso di problemi futuri è necessario rivolgersi ad un educatore per avere margini di miglioramento a livello comportamentale.

Il vero tormento dei padroni “i Bisogni”, questi mostri!

Uno degli enormi disagi che spesso si creano all’arrivo del tuo amico Jack nella nuova casa sono le regole da impartire, soprattutto in relazione ai suoi bisogni e alle sue abitudini.

Una domanda tipica di un padrone alle prime armi è questa:

Come mi devo comportare con lui?

Semplice, dovrai istruire il cucciolo per quanto riguarda le sue primarie necessità nel migliore dei modi, vediamo come:

il consiglio che spesso viene erogato è quello di mettere in giro per casa dei fogli di giornale o traversine dove il tuo amico Jack potrà andare a fare i propri bisogni.

I primi tempi dovrai osservarlo e monitorarlo parecchio, di norma i cuccioli fanno i loro bisogni dopo aver mangiato, giocato oppure appena dopo un riposino.

In base a questi momenti della giornata, posiziona il tuo amico a 4 zampe sulle traversine o sui giornali, nella speranza che faccia le sue cose lì, se riesce ad espletare i bisogni va premiato con una voce allegra, delle carezzine oppure dei croccantini appetitosi, servono per fargli capire che ha fatto la cosa giusta.

Non dimenticare che il Jack Russell è estremamente intelligente, basta poco per educarlo come si deve.

Bisogni Jack-Russell
Le cattive abitudini persistono. Quali regole adottare

Se invece continua a prendere il pavimento di casa come un bagno pubblico, è importante dargli delle regole, essere troppo permissivi non aiuta né lui e né voi, quindi va strillato.

È di fondamentale importanza dargli comandi tipo “NO” o “MAI” laddove commette errori.

Anche l’utilizzo del “dito indice” in senso di diniego verrà capito dal fedelissimo Jack Russell.

Chiaro è che deve essere colto sul fatto mentre fa i bisogni e questo è facilmente intuibile, in particolare dalle sue movenze.

Se gira molto su se stesso oppure è costantemente a muso basso ad annusare ovunque, è certo che il cucciolo è pronto per lasciare qualche ricordo!

Poni il cane direttamente sulle traversine prima che espleti altrove i propri bisogni primari.

Se non dovessi arrivare in tempo e cogli il fedelissimo Jack a fare ciò che non deve fare, rimproveralo senza timore.

Se invece non sei presente durante la fase bisogni devi desistere e pulire dove ha sporcato senza farti vedere, utilizzando successivamente uno spray elimina odori, fondamentale per far sì che il cane non prende quel punto come luogo abituale dove fare i propri bisogni.

Questo principio è valido fino a quando non saranno fatte tutte le vaccinazioni del caso, dal momento che sarà coperto contro eventuali malattie, sarà il caso di portarlo fuori e fargli scoprire il mondo oltre la porta, dove inizierà una nuova vita per lui.

Regole Jack Russell
Le prime uscite, come devo comportarmi?

È importante far uscire il cucciolo di Jack Russell almeno ogni tre ore per garantirgli la possibilità di espellere i suoi bisogni fuori casa e non dentro.

Una delle regole da osservare è quella di fare sempre lo stesso giro quando lo porti fuori, soprattutto le prime volte, il Jack Russell (come tutti i cani) ha abitudini ben precise una volta recepite.

Il cane all’inizio deve sentire e riconoscere gli odori, sarebbe meglio evitare zone dove ci sono stati altri pelosetti, questo creerebbe in lui degli scompensi al punto tale che per paura di far sentire il proprio odore agli altri cani, bloccherebbe i propri istinti tanto da trattenerli fino al ritorno a casa.

Questo succede poiché nell’indole del Jack Russell ma anche dei cani in generale, vige la regola della gerarchia (essendo discendenti dai lupi).

Il cucciolo è all’ultimo gradino della scala (e lui lo sa!), ecco perché ha paura di lasciare le proprie tracce fuori casa e dunque evita di marcare il territorio.

Guinzaglio Si, guinzaglio No

Ti ricordo che il Jack Russell è sprezzante dinanzi al pericolo di conseguenza è fondamentale l’utilizzo del guinzaglio, anzi direi obbligatorio anche a fini normativi.

Importante è insegnare al tuo amico come comportarsi in presenza del collare.

Il cane deve percepire il guinzaglio come un prolungamento del braccio del padrone, ma per fare questo va chiaramente abituato.

Conviene fin dall’inizio utilizzare il guinzaglio con collare con lunghezza massima per legge di 1.5 mt., possibilmente non la pettorina in quanto crea problemi a livello fisico, soprattutto per le zampe.

Per impartire abitudini e regole al tuo fido, un esercizio importante potrebbe essere quello di mettergli il collare e poi il guinzaglio mentre mangia, i cani ragionano per associazione, se gli fai collegare cose positive, allegre e belle vedrai che per lui non sarà un problema indossarlo.

Mi raccomando le misure, il collare non deve essere troppo stretto, tra il collo e il collare deve passarci un dito massimo di larghezza altrimenti rischi di strozzarlo (se troppo stretto) oppure di sfilarlo (se troppo largo).

Il guinzaglio migliore è con collare, preferibilmente in nylon cuoio, evitate quelli estensibili (tra l’altro ormai fuori legge).

Camminare al passo, con i tempi che corrono!

Altra cosa da non sottovalutare è insegnare al nostro poderoso amico come camminare al guinzaglio.

Spesso diamo per scontato che il cane sia già in grado dà subito di stare al passo con il suo padrone ma non è così.

Se volete dei consigli pratici vi conviene leggere di seguito:

  • Mai strattonare il tuo Jack se non segue il tuo andamento, essendo un Terrier ed avendo un carattere piuttosto caparbio, potrebbe farti muro dinanzi ad un affronto simile!
  • Per abituare il tuo cane ad andare al guinzaglio è necessario cambiare spesso direzione.

Cosa vogliamo dire con questo?

Che se il tuo Jack tende a tirare da una parte piuttosto che dall’altra sarai tu a dover cambiare nell’immediato direzione, costringendo il cane a ruotare la testa dalla tua parte e a seguirti.

Questi sono esercizi comportamentali che insegnano al tuo amico a 4 zampe a camminare nel giusto modo seguendo le tue regole, piuttosto che le sue.

Queste brevi nozioni e consigli da utilizzare sono utili per migliorare la qualità del rapporto tra di voi e dare la giusta educazione al tuo amico fidato.

Tags:
Articolo precedente
Vaccinare il tuo amico a 4 zampe, storia della profilassi
Articolo successivo
Come alimentare il Jack Russell e i cibi da evitare

Leggi anche…

Menu
Copy link